Studio Dalla Dea

Far emergere le possibilità dal futuro

E-mail Stampa PDF
La prevedibilità è stato uno dei miti del management fino agli anni 80 del secolo scorso.

Deming (uno dei massimi esponenti del TQM -Total Quality Management e padre della Teoria della Conoscenza Profonda) amava ripetere ai manager: “l’essenza del vostro lavoro è la prevedibilità”.

Indubbiamente ciò è ancor oggi vero, soprattutto se si concentra l’attenzione sui processi e sulle attività di un’Organizzazione.

In questo senso, la prevedibilità si persegue attraverso la riduzione della variabilità nei processi: minore infatti è la variabilità, maggiore sarà la stabilità e maggiore, di conseguenza, la prevedibilità.

Ma sempre più oggi questo approccio non esaurisce il vero ruolo di un leader.

Qual è dunque l’essenza del lavoro di un leader?

In un certo senso, potremmo dire che essa risiede nel far emergere le possibilità dal futuro.

Il passaggio decisivo è quello da “prevedibilità” a “possibilità”.

Parlare di possibilità invece di prevedibilità vuol dire passare dalla logica dei sistemi ordinati a quella dei sistemi complessi.

Quando si passa dai sistemi “statici” a quelli complessi, si abbandona la logica della mera prevedibilità per passare alla dimensione delle possibilità.

La soglia del caos (condizione quasi “magica” di un sistema complesso, in bilico tra ordine e caos) è essenzialmente questo.

De Toni e Comello in "Prede o ragni" (Utet 2005) presentano questo concetto: “Parola d'ordine della complessità non è predicibile o non predicibile, ma possibile.

Ci sono moltissimi eventi che sono possibili: non tutti, comunque, perché la complessità ha sempre a che fare con un mix di determinismo e caso.

Solo alcuni di essi si realizzano: non possiamo dire a priori quali.

La complessità, all'orlo del caos, è lo spazio delle possibilità”.

La soglia del caos è un punto critico, anzi è IL punto critico, dal quale può generarsi innovazione e evoluzione, così come fallimento e regressione.

Ma non si può fare altrimenti, è un rischio che non può essere evitato: occorre rischiare per incamminarsi verso un altro ciclo di innovazione/evoluzione; questo, a sua volta, ci porterà su un altro livello di 'soglia del caos' dal quale ripartire, e così via”.

Riassumendo:

- l’imprevedibilità è tipica dei sistemi caotici,

- la prevedibilità attiene ai sistemi ‘statici’,

- la possibilità caratterizza i sistemi complessi.

Il primo passo, dunque, è essere consapevoli della complessità, sapere cosa vuol dire vivere sulla soglia del caos, vista come unica dimensione in cui può generarsi ed emergere sviluppo, evoluzione, crescita dell'Organizzazione.

===================

I nostri pensieri interiori determinano il successo o l'insuccesso, a seconda che noi permettiamo all'uno o all'altro di dominare i nostri pensieri.

 

Suggerisci ai tuoi amici!

Calendario Eventi

Ultimo Mese Settembre 2018 Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
week 35 1 2
week 36 3 4 5 6 7 8 9
week 37 10 11 12 13 14 15 16
week 38 17 18 19 20 21 22 23
week 39 24 25 26 27 28 29 30

Iscriviti alla newsletter

* campo obbligatorio
TI TROVI QUI: Home

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la cookies policy