Studio Dalla Dea

Benvenuto

 

Corsi per Aziende e Professionisti

 

Corsi per Centri Benessere

Studio Dalla Dea - Business Coaching and Training

alt

Sei più in gamba di quanto credi

Di seguito alcuni punti su cui riflettere:

• Sei più in gamba di quanto credi

• Leader si diventa, non si nasce

• Decidere di evolversi è una scelta personale continua

• Qualcuno dice che non ce la puoi fare, tu ed io sappiamo che non è così

• Impara a danzare con le tue paure

• Osserva, prendi coraggio, agisci

• L’avvilimento passa

• Sii deciso, quando ti esprimi in pubblico

• Un lavoro impegnativo è di gran lunga migliore di un lavoro che ti impegna

• La gente spesso si sbaglia, chi ti critica, pure. Un utile feedback è sempre prezioso ...

• Gestire relazioni è fondamentale: questa è l’essenza della leadership

• Passa dall’io al noi

• Scegli la meta, prima di iniziare il viaggio

• Il sapere sconfigge le difficoltà

• Solo Tu sei padrone del tuo destino

   
alt

Employee Engagement: Coinvolgere per Vincere

C’è la necessità di un cambio di rotta culturale all’interno delle organizzazioni.

Le aziende che intendono migliorare la propria situazione e scelgono di percorrere le difficili strade dello sviluppo devono necessariamente ingaggiare i propri dipendenti.

E’ necessario liberarsi di tutte le barriere orizzontali che impediscono la comunicazione e il supervisore (middle management) deve assumere il ruolo di leader e facilitatore nei rapporti con quella che viene definita front line.

Il famoso autore Carlzon, nel testo: “La piramide rovesciata”, parla di “momenti della verità”, ovvero il tempo nel quale il cliente incontra un dipendente (pensate ad un addetto alle vendite) e in quei 15–45 secondi, fissa nella sua mente l’immagine dell’intera azienda.

Cosa potrebbe succedere se quel collaboratore non fosse trattato, “gestito”, nel modo corretto?

E se fosse disinteressato nei confronti del suo ruolo chiave?

Se non fosse informato circa le proprie responsabilità e grado di autonomia?

In poche parole se non si sentisse per niente partecipe e considerato (engaged)?

Di sicuro il cliente tirerebbe presto e molto facilmente delle conclusioni che poi ricadrebbero sull’immagine generale dell’azienda…

Per questo motivo persone, autonomia e leadership sono gli ingredienti principali di questo nuovo modello di business che mette al centro di tutto il cliente e il suo intermediario principale: il collaboratore.

Leggi tutto...

   

Cento vite, cento carriere

Mentre stamani aiutavo Nives in giardino (facevo in realtà solo “il manovale”), cercavo di immaginarmi che cosa avrebbero potuto fare alcuni miei amici, in una domenica di novembre generosamente tiepida ed assolata.

Uno avrebbe senz'altro organizzato una camminata in montagna, caricandosi lo zaino con non meno di 20 chili di attrezzatura. Un altro avrebbe fatto un giro in bici attraverso i colli berici. Almeno un paio mi piace immaginarli in veranda, impegnati a leggere qualche pagina dei molti libri che attendevano da tempo la loro attenzione.

Queste riflessioni mi rammentarono che ciascuno di noi, per quanto professionalmente impegnato in attività per qualche verso analoghe, è molto diverso da tutti gli altri.

E allora?

L'epoca della produzione di massa sta tramontando, mentre l'economia che vediamo emergere è fondata sulla conoscenza, sull'inventiva, sulla curiosità, sul talento.

E in un contesto del genere le mille meravigliose differenze fra le persone diventano una risorsa preziosa, pronta a liberare le proprie potenzialità se solo se ne presenta l'occasione.

Leggi tutto...

   

Innovazione o estinzione

“La casistica della nostra ricerca pone in evidenza un preciso modello: i concorrenti più forti tendono non solo a resistere alle innovazioni potenzialmente minacciose, ma non tentano neppure di comprenderle, optando per un ulteriore rafforzamento delle proprie posizioni sui vecchi prodotti.

Questo atteggiamento per lo più si traduce in un aumento della produttività e della performance in grado di incrementare ulteriormente il successo della vecchia tecnologia, ma nella maggior parte dei casi è un segnale di morte imminente.” (Jim Utterback:Mastering the dinamic of Innovation, Harward Business School Press).

“Modello” è chiaramente un eufemismo per indicare i risultati della ricerca di Utterback e di altri studi analoghi: le aziende (e i Marchi) di quel tipo reagiscono quasi invariabilmente nel modo sbagliato alle mosse dei concorrenti innovativi.

Leggi tutto...

   

Una giusta paga non basta

I dipendenti non possono essere soddisfatti di una “giusta” paga perché non esiste una cosa definibile in termini di “giusta" giornata di lavoro.

Ogni giorno riserva nuove sfide: si deve costantemente operare con tempi esigui rispetto ai compiti assegnati, con attrezzature che a volte fanno le bizze, con colleghi malati o distratti da problemi familiari, con imprevisti di ogni genere da gestire.

Nessuno se ne torna a casa la sera pensando di aver avuto una “giusta” giornata di lavoro.

Al contrario, essendo noi esseri umani egocentrici per natura, tendiamo a guardare soltanto ai problemi che abbiamo dovuto affrontare e ai pesi “ingiusti” che gravano sulle nostre spalle.

In assenza di riconoscimenti emotivi, formazione continua e forme di incentivo di gruppo e individuale, condanniamo la nostra azienda a risultati mediocri.

Leggi tutto...

   

Più leader e meno manager per trovare il filone d’oro in azienda

In un mondo in continuo cambiamento, dove il lavoro manuale viene sempre più sostituito da quello intellettuale, le doti manageriali non bastano più, esse vanno completate con quelle che caratterizzano uno stile di leadership innovativa.

In che cosa il nuovo differisce rispetto al management tradizionale?

Vediamo:

La maggior parte dei manager oggi è direttiva.

I manager dicono cosa si deve fare e poi spingono, incalzano, premono, affinchè venga fatto.

Si preoccupano d'inserire le persone, come se fossero piccioni, nelle caselle degli organigrammi aziendali.

Si focalizzano sui punti deboli dei collaboratori e sono sempre pronti a punire l'errore o la mancanza di risultato.

Leggi tutto...

   

Il meglio di noi o il peggio di noi

Quando ci inseriamo in una organizzazione e diventiamo parte di qualcosa di più grande di noi, sempre misceliamo l’interno con l’esterno.

Le modalità di comportamento sociale di ognuno di noi possono quindi cambiare, da prima a dopo.

A volte, l’incontro con il Gruppo ci spinge a diventare migliori.

Impariamo ad avere una visione a lungo termine, controlliamo i nostri impulsi egoistici e lavoriamo duramente per soddisfare gli elevati standard di chi ci circonda.

Ma se non stiamo attenti (o se siamo sfortunati), è pur sempre possibile che il Gruppo ci spinga a chiuderci nel nostro egoismo, a diventare insensibili o miopi.

Leggi tutto...

   

Parlare non è vendere

Stai realmente portando avanti una trattativa di vendita da vero consulente quando poni domande strategiche e dai la possibilità a chi ti sta di fronte di entrare in empatia con te, di dirti ciò che sta cercando, ciò di cui sente il bisogno, che stimola il suo interesse e che desidera veramente.

Stai vendendo solo se ascolti con attenzione, se non sormonti l’interlocutore mentre sta parlando, se rispetti il suo modo di pensare e di agire se, in qualche modo, riesci a vedere in lui od in lei una persona cara in cerca di un aiuto professionale.

Leggi tutto...

   

Pagina 2 di 16

Suggerisci ai tuoi amici!

Calendario Eventi

Ultimo Mese Maggio 2018 Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
week 18 1 2 3 4 5 6
week 19 7 8 9 10 11 12 13
week 20 14 15 16 17 18 19 20
week 21 21 22 23 24 25 26 27
week 22 28 29 30 31

Iscriviti alla newsletter

* campo obbligatorio
TI TROVI QUI: Home

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la cookies policy