Studio Dalla Dea

Counseling organizzativo

Agire sul singolo per migliorare il sistema è il nostro motto. Studio Dalla Dea predispone azioni di Counseling specifiche per la vostra azienda e per i singoli professionisti.

Il counseling organizzativo dello Studio Dalla Dea consiste in azioni di consulenza che hanno come oggetto le problematiche che maturano sul lavoro e possono essere collegate con la vita personale e le relazioni sviluppate nel contesto aziendale.

Si tratta di un percorso definito da obiettivi e metodi specifici, che riguarda diverse pratiche organizzative, come:

 

  • lo sviluppo di carriera
  • la valutazione delle prestazioni
  • il sostegno offerto dal capo al collaboratore
  • la consulenza per il cambiamento organizzativo

 

Studio Dalla Dea è a disposizione delle aziende per una valutazione gratuita della situazione in essere

Sono numerosi i possibili interventi di counseling organizzativo del nostro Studio:

  • il counseling all’organizzazione:

inteso come attività di consulenza svolta con l’organizzazione per far fronte a determinati problemi collegati con ingenti cambiamenti organizzativi e culturali

  • il counseling agli executive e al top management:

al fine di promuovere lo sviluppo personale della classe manageriale e affrontare problemi centrali e strategici per l’organizzazione

  • il counseling su problemi specifici:

inteso come uno spazio rivolto a quei dipendenti-collaboratori che hanno la necessità di affrontare specifici disagi legati al contesto lavorativo

  • il career counseling:

basato sull’identificazione di caratteristiche, talenti e difficoltà finalizzato allo sviluppo di un piano di miglioramento.

 

Nelle aziende, così come nella vita sociale, emerge l'esigenza di accompagnare gli individui nella gestione delle complessità e delle difficoltà ambientali.

Si tratta di fornire un supporto utile a stimolare e valorizzare le capacità delle persone di vivere in maniera più integrata e soddisfacente.

Questo aiuto arriva dal counseling, tecnica nata all' esterno delle aziende come relazione di aiuto per affrontare più efficacemente le relazioni sociali, che viene già da anni intensamente utilizzata nei contesti lavorativi delle aziende di matrice anglosassone.

Il counseling in ambito aziendale si esprime con le numerose e nascenti tecniche gestionali basate sullo sviluppo individuale: la facilitazione delle relazioni interpersonali e di gruppo, la tematica della comunicazione e del feedback attivo, le "behavioral interpersonal skill", la formazione esperienziale rivolta ai comportamenti organizzativi, l' attenzione ai nuovi modelli di leadership, la tematica dell'"empowerment", la gestione dei processi attraverso la “ownership” individuale, la gestione per competenze, “l'assessment” e i piani di azione individuali, la consulenza al ruolo all'interno dello sviluppo organizzativo.

È uno strumento che consente di aiutare la crescita e lo sviluppo dei singoli all’interno di una costruzione di senso organizzativo.

 

Il processo di counseling implica una relazione di confronto e apprendimento tra counselor e cliente, basata sul coinvolgimento e l’attiva partecipazione di tutti gli “attori” dell’azienda: il counselor prende quindi in carico l’organizzazione nella sua interezza e diventa un possibile punto di riferimento per tutti i dipendenti-collaboratori. Questo tipo di attività si basa sulla considerazione che i cambiamenti continui a cui sono chiamate le aziende per sopravvivere e crescere sono affrontati e superati in modo positivo se il contesto riserva spazi maggiori alle persone, che rappresentano la vera risorsa dell’impresa.

Se i lavoratori sono demotivati, insoddisfatti, incapaci di esprimere le loro potenzialità o affrontano dei momenti difficili, le prestazioni ne risentono e di conseguenza anche tutto il sistema azienda viene danneggiato. Il lavoro di counseling procede quindi raccogliendo informazioni su come funziona l’organizzazione e insieme si costruisce un piano di intervento sulla base degli obiettivi dell’azienda. Il conselor non deve fornire soluzioni pronte, ma stimolare l’autovalutazione e l’autorientamento in modo che, terminato il percorso, il cliente sia autonomo nell’affrontare le criticità future.

È fondamentale quindi che i vertici aziendali e tutti i collaboratori siano disponibili a condividere con il counselor le informazioni relative al contesto aziendale, dal momento che il cliente è colui che conosce a fondo il problema e con l’aiuto del counselor sarà in grado di risolverlo.

 

Suggerisci ai tuoi amici!

Calendario Eventi

Ultimo Mese Settembre 2017 Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
week 35 1 2 3
week 36 4 5 6 7 8 9 10
week 37 11 12 13 14 15 16 17
week 38 18 19 20 21 22 23 24
week 39 25 26 27 28 29 30

Iscriviti alla newsletter

* campo obbligatorio
TI TROVI QUI: Home I nostri servizi I nostri servizi Counseling organizzativo

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la cookies policy