Studio Dalla Dea

Benvenuto

 

Corsi per Aziende e Professionisti

 

Corsi per Centri Benessere

Studio Dalla Dea - Business Coaching and Training

La produttività aumenta investendo nell’ intelligenza emotiva dei Collaboratori

L’intelligenza emotiva rappresenta un nuovo approccio ai fattori che predicono il successo nel lavoro.

Sicuramente persone con forti capacità. tecniche e che possiedono grande intelligenza analitica hanno performance migliori di coloro che non dispongono di tali abilità.

Bisogna considerare, però, che spesso sul lavoro anche le persone con queste caratteristiche falliscono.

Questi insuccessi possono essere attribuiti a problemi con i colleghi o con i clienti, a difficoltà comunicative con i superiori oppure a scarsa intelligenza pratica.

Gli studi più recenti ci insegnano che l’intelligenza emotiva potrebbe aiutarci a comprendere meglio cosa concorre a determinare la riuscita o meno negli affari e nella vita in generale.

L'intelligenza emotiva può essere vista come la capacità di percepire, comprendere e regolare i propri stati d'animo e le proprie emozioni. Leggi tutto...

   

Leadership emotiva

“Non essere troppo emotivo!”

Non l’avete mai sentito prima? In tutta la mia vita professionale ho sentito e, a volte ho vissuto in prima persona, feed back di questo tipo.

Ho clienti, manager e titolari d’azienda, che hanno speso una intera esistenza lavorativa focalizzandosi sullo sviluppo di un tipo specifico di energia interiore, che si tratti di enfatizzare l’accento sulla salute fisica, sull’equilibrio mentale, o sulla gestione degli stati emotivi.

E non sorprende che essi dirigano le loro aziende con questo orientamento e che scelgano i loro collaboratori in questo modo.

Ci sono studi scientifici e testi di ogni tipo che espongono i dettami di ciascuna teoria sulla fonte della leadership.

Sono incentrate sull’intelligenza, sulla salute e la forma fisica, o sulla sensibilità dell’individuo.

Tutte queste scuole di pensiero sono costantemente alla ricerca di comprendere quale sia il modo migliore di condurre un team.

Leggi tutto...

   

Dream is a serious thing

La difficoltà di sognare e di concretizzare i propri desideri è forse il dramma più grande che molte persone si ritrovano a vivere: poiché non hanno prospettive, cominciano a guardare la vita con pessimismo e concludono che non vale la pena di fare progetti e che, anzi, è meglio non sognare nemmeno, onde evitare di subire delusioni in seguito.

Sono persone che non realizzano i propri sogni e che al massimo si concedono di sognare un po' solo quando dormono.

Hanno dei sogni, ma non li trasformano in realtà.

La grande soluzione a questo pessimismo generalizzato consiste nel recuperare la propria capacità di sognare e nell'adottare le giuste strategie al fine di realizzare tutto ciò che l'anima ci chiede.

Prima di qualsiasi altra sensazione, è necessario che ciascuno di noi senta che la vita ha molto valore e che bisogna sfruttarne al massimo le potenzialità.

Leggi tutto...

   

Strategie formative per “ben-lavorare” in azienda

(articolo della Dr.sa Enrica Brachi)

"Gli analfabeti del XXI secolo non saranno coloro che non sanno leggere e scrivere, ma coloro che non sanno imparare, disimparare ed imparare di nuovo." (Alvin Toffler)

La formazione oggi è una priorità indispensabile: o ti formi o ti fermi.

Sempre più necessitiamo di spazi e tempi per “cambiare punti di vista” e confrontarci; contesti protetti che facilitino l’apprendimento; luoghi in cui attivare la possibilità di “imparare ad imparare”; ambienti per allenarsi nelle competenze comunicativo-emotivo-relazionali “in un’ottica win-win”; laboratori in cui affinare le No Technical Skills per ben-lavorare, ma anche per ben-essere e ben-vivere.

La finalità di una formazione strategica è trasformare i circoli viziosi in percorsi virtuosi, gli scontri distruttivi – per sé e per gli altri – in confronti costruttivi, per divenire “creatori di valore”, in un percorso di miglioramento, praticabile e sostenibile.

Leggi tutto...

   

No etica, No business

Le teorie che studiano il funzionamento del sistema economico a vari livelli (dal singolo individuo, all’organizzazione, all’intera società) presuppongono l’esistenza e il rispetto di un sistema di regole morali.

Nel reale funzionamento della vita economica tutto ciò non è per nulla ovvio.

In molte occasioni gli individui e i gruppi traggono benefici da situazioni in cui il vantaggio personale può essere conseguito a scapito dell’interesse collettivo.

A livello macro, le conseguenze degli scandali non sono circoscritte solo a chi le ha compiute, ma ricadono su tutta la comunità, generando un crollo generalizzato di fiducia.

Eppure, la pubblicazione di bilanci sociali e codici etici è aumentata negli ultimi anni, quindi come dare una spiegazione alla dilagante carenza di etica?

A livello aziendale, si osservano a volte Operatori poco onesti intenti a trarre vantaggio personale, danneggiando i Clienti e l’organizzazione.

Nello stesso tempo, sono documentate attività di sabotaggio tra colleghi, come omissione di informazioni rilevanti, veri e propri dispetti, e sanzioni sociali verso chi lavora troppo o troppo poco non uniformandosi alle norme sociali vigenti nelle diverse organizzazioni.

Trovare le giuste regole per superare conflitti d’interesse e comportamenti opportunistici significa costruire un sistema che sia coerente ed efficiente nella sua struttura.

Leggi tutto...

   

Per vincere la sfida, valorizza le Persone che lavorano con Te

Se l’impresa vuole crescere, prosperare, migliorare, non può che essere considerata e considerarsi un sistema vivente e come tale trattata nell’ambito dell’interesse alla sua salute e sopravvivenza.

Nel momento in cui ci viene chiesto di prenderci cura dell’impresa e accettiamo di farlo, noi prendiamo atto che in quel sistema vivente pulsano sentimenti, emozioni, aspettative, speranze, coraggio, sconforto, orgoglio.

In quel sistema vivente pulsa una parte importantissima dell’identità di molte persone.

Abbiamo visto in passato programmi intensivi di addestramento che spingendo le persone a diventare campioni di vendite, avevano spinto all’inverosimile sul pedale della competitività umana.

In realtà la gara tra individui e il premiare sempre e solo chi faceva di più, si è rivelata nel tempo un’arma a doppio taglio: se da un lato dava luogo ad un aumento dei profitti, dall’altro causava un abbassamento drastico della qualità della vita sul posto di lavoro ed un ricorso sempre più massiccio a comportamenti e mezzi scorretti di condurre sia gli affari che l’organizzazione dell’impresa.

Tutto ciò ha provocato a volte un individualismo selvaggio ancor più esasperato che ha minato le relazioni umane sia interne che esterne all’impresa nonché la possibilità dell’integrazione tra individui provenienti da realtà diverse.

A livello di formazione umana, dunque, negli ultimi tempi si è reso necessario intervenire nel campo delle relazioni sotto ogni punto di vista.

Una buona formazione richiede oggi sistemi che, lavorando sul gruppo e in gruppo, insegnano cose come il senso del team e che facilitino la collaborazione, la comunicazione, l’integrazione a più livelli.

Leggi tutto...

   

Scegliere la corsa verso l'alto

L'età industriale era basata sul concetto di scarsità.

Tutto ciò che ha costruito la nostra civiltà occidentale ha comportato la ricerca da parte del Cliente di beni e di servizi scarsamente disponibili.

D'altra parte, l’economia odierna, l'economia di connessione, si basa sul concetto di abbondanza.

Attenzione: non sto parlando di una scorta infinita di risorse cui possiamo attingere.

Ma abbiamo, questo sì, una grande varietà di scelta, l'abbondanza di connessione, e l'abbondanza di accesso alla conoscenza.

Sappiamo che sempre più persone hanno accesso a più risorse, e possono sfruttare le nostre offerte.

Questa abbondanza porta a due gare:

La corsa al ribasso, alimentata da internet, con la sfida di trovare i prezzi più bassi, la manodopera più a buon mercato, offrendo di più per meno.

L'altra gara è la corsa verso l'alto: Segue... Leggi tutto...

   

IL VALORE DELLA FIDUCIA (e il costo della sua mancanza)

La scarsa fiducia è il costo più alto che paghiamo nella nostra vita, in famiglia e nelle Organizzazioni, perché crea finalità nascoste, conflitti interpersonali, rivalità.

Porta a sviluppare una mentalità “win-lose”, io vinco-tu perdi, una condizione generatrice di tutti quei comportamenti che riducono di fatto la velocità di raggiungimento dei risultati.

Secondo un’indagine condotta da Edelman (la più grande agenzia di relazioni pubbliche nel mondo) il trust barometer (barometro della fiducia) segna un calo della fiducia delle aziende dal 41% al 27%.

Quindi fiducia in declino con enormi conseguenze per l’economia, le relazioni interpersonali e i rallentamenti dell’attività.

Ricostruire la fiducia non è un mito: si può fare anche in situazioni difficili, rendendo il legame ancora più forte, solo che lo si voglia entrambi! Segue...

Leggi tutto...

   

Pagina 7 di 15

Suggerisci ai tuoi amici!

Calendario Eventi

Ultimo Mese Ottobre 2017 Mese Successivo
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
week 39 1
week 40 2 3 4 5 6 7 8
week 41 9 10 11 12 13 14 15
week 42 16 17 18 19 20 21 22
week 43 23 24 25 26 27 28 29
week 44 30 31

Iscriviti alla newsletter

* campo obbligatorio
TI TROVI QUI: Home

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la cookies policy